Cala la popolazione in Abruzzo: perdono abitanti Lanciano, Ortona. Crescono Montesilvano, Francavilla e Vasto.

In cinque anni, dal 2014 al 2019, l’Abruzzo ha perso 28.169 abitanti, un declino demografico che ha un’intensità pari a due volte e mezzo quella media nazionale.

È quanto emerge dallo studio redatto da Aldo Ronci, studioso ed economista, che per anni è stato attento osservatore per Cna Abruzzo dei fenomeni demografici e immigratori. In sei anni consecutivi l’Abruzzo ha fatto registrare un declino demografico del 2,11%, pari a due volte e mezzo la media nazionale, che si attesta allo 0,89%. Nello specifico, tra il 31 dicembre 2013 e il 31 dicembre 2019 si registrano forti decrementi nelle province di Chieti (-10.545) e dell’ Aquila (-10.210), meno consistenti in quelle di Teramo (-3.691) e di Pescara (-3.723).

Lo studio di Aldo Ronci sul calo demografico in Abruzzo, oltre a confermare il trend degli ultimi anni, evidenzia anche grosse divergenze geomorfologiche a livello provinciale che vedono le province dell’Aquila e di Chieti, più montuose, trovarsi in una fase di spopolamento mentre le Province di Teramo e Pescara, meno montuose, segnano una lieve decrescita anche se la novità evidenziata è quella del nuovo fenomeno dello spopolamento dei comuni che sono sulla costa.

La densità abitativa delle province abruzzesi, come evidenzia lo studio è molto disomogenea. L’Aquila infatti conta 59 abitanti per Kmq, Pescara 260 abitanti per Kmq, Teramo 158 abitanti per Kmq e Chieti 128 abitanti per Kmq.

Ai due stremi troviamo Pescara che ha una densità abitativa pari a quattro volte e mezzo quella dell’Aquila.

Tra i comuni abruzzesi la maglia nera per perdita di abitanti è assegnata a Sulmona con 1.643 unità in meno, seguono Ortona con -1.049, Lanciano con -822, Penne con -565 e Civitella del Tronto con -496.

La maglia rosa per crescita di abitanti la conquista Montesilvano con 1.533 unità in più, seguono Francavilla con +953, San Giovanni Teatino con +773, Vasto con +749 e Roseto con +627.

L’Unione Europea negli anni ha previsto fondi da utilizzare in tal senso. Il FESR (Fondo europeo dello sviluppo regionale) prevede che almeno il 5 % delle risorse assegnate a livello nazionale debba essere destinato ad Azioni Integrate per lo Sviluppo Urbano Sostenibile delegate alle città di riferimento.

La Regione Abruzzo nel POR FESR 20014-2020 (Piano Operativo Regionale) ha individuato come sistema urbano cui destinare queste risorse le sole quattro città Capoluogo Chieti, l’Aquila, Pescara e Teramo, mentre per esempio la Regione Toscana ha destinato le risorse oltre che alla città metropolitana di Firenze, anche a 14 Aree Funzionali Urbane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *