San Vito Chietino, aggressione a due anziani disabili, arrestato l’autore

V.D., operaio 25enne originario di Casoli con precedenti di polizia, è stato arrestato dai carabinieri per l’aggressione a anziani disabili, avvenuto la mattina del 12 novembre scorso a Sant’Apollinare di San Vito Chietino.

L’arresto è stato eseguito dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ortona e della Stazione di San Vito Chietino. Il fermo è stato richiesto dalla Procura della Repubblica e accolto del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lanciano, che ha emesso l’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, avendo riscontrato dalle indagini svolte dagli uomini dell’Arma la particolare gravità del fatto e l’indole violenta dell’autore.

L’episodio di cui è stato protagonista il 25enne risale a giovedì scorso davanti ad un condominio di Sant’Apollinare. Qui erano presenti due anziani che avendo notato la guida pericolosa tenuta da V.D. a bordo della sua Fiat Panda, lo avevano invitato a moderare la velocità. Ne era poi scaturito un alterco verbale che era ben presto sfociato nell’aggressione fisica da parte del giovane ad uno dei due anziani prima ed al secondo poi che era intervenuto in suo soccorso. Calmati gli animi anche da alcuni vicini intervenuti nel frattempo, l’anziano più grave era stato soccorso dall’autoambulanza del 118 che lo aveva trasportato presso l’ospedale di Lanciano dove i sanitari gli avevano riscontrato delle lesioni non importanti. Nel frattempo sul luogo dell’aggressione erano prontamente intervenute le pattuglie della locale Stazione Carabinieri e di quella di Fossacesia che avevano ricostruito l’accaduto, identificato l’autore, sentito l’anziano intervenuto in soccorso dell’altro ed i testimoni presenti. Le condizioni dell’anziano ricoverato all’ospedale di Lanciano erano però peggiorate nei giorni seguenti, facendo così aggravare la posizione penale di V.D. e rendendo quindi applicabile la misura cautelare adottata ieri, in tempi rapidissimi, dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lanciano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *