Secondo posto per Remo Rapino alla VII edizione del Premio Subiaco Città del Libro

Con il suo “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio” (minimum fax), già vincitore del Premio Campiello 2020, lo scrittore lancianese Remo Rapino si è aggiudicato il secondo posto, nella sezione dedicata alla narrativa edita, alla VII edizione del Premio Subiaco Città del Libro. Il concorso si tiene a Subiaco, borgo in provincia di Roma.

Si tratta dell’ennesimo riconoscimento per Liborio, protagonista di un romanzo che già può vantare una rara fortuna letteraria: strampalato e avveduto, folle e saggio, rivoluzionario e mite, inquieto e scanzonato, il personaggio di Rapino, che riesce a stupire e a stupirsi, è un’alchemica e poetica sintesi di opposti.

Il primo premio del concorso è stato conferito a Viola Ardone, autrice del romanzo “Il treno dei bambini” (Einaudi). Al terzo posto, Viola Di Grado, con “Fuoco al cielo” (La Nave di Teseo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *