Covid Abruzzo: da ieri 257 nuovi casi e 12 decessi

Alla Riabilitazione dell’ospedale di Atessa, 11 pazienti e sei operatori positivi al Coronavirus

Sono complessivamente 32630 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 257 nuovi casi (di età compresa tra 2 e 94 anni).

*(il totale risulta inferiore di 2 unità in quanto sono stati sottratti 2 casi comunicati nei giorni scorsi e risultati duplicati)

I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 47, di cui 10 in provincia dell’Aquila, 12 in provincia di Pescara, 10 in provincia di Chieti e 15 in provincia di Teramo.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 12 nuovi casi e sale a 1084 (di età compresa tra 62 e 87 anni, 2 in provincia dell’Aquila, 5 in provincia di Pescara, 4 in provincia di Chieti e 1 in provincia di Teramo). Del totale odierno, 1 caso riguarda un decesso dei giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 17560 dimessi/guariti (+724 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 13986 (-481 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 471645 test (+4309 rispetto a ieri).

599 pazienti (-2 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 56 (-3 rispetto a ieri con 1 nuovo ricovero) in terapia intensiva, mentre gli altri 13331 (-476 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 10432 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+52 rispetto a ieri), 6351 in provincia di Chieti (+76), 6629 in provincia di Pescara (+72), 8793 in provincia di Teramo (+57), 267 fuori regione (invariato) e 158 (-2) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Riabilitazione Atessa, 11 pazienti e sei operatori positivi al Coronavirus

Undici pazienti ricoverati nel reparto di Riabilitazione dell’ospedale di Atessa e sei operatori sanitari sono risultati positivi al Coronavirus. Sono tutti asintomatici. Dal 2° piano del “San Camillo” i pazienti positivi sono stati subito trasferiti al 3° piano che ospita la Medicina Covid-19, mentre gli operatori sono in isolamento domiciliare. 

Ha funzionato il sistema adottato per separare e filtrare le diverse unità operative, che ha impedito l’estensione del contagio agli altri reparti dell’ospedale.

I locali della Riabilitazione sono stati sanificati e i pazienti risultati negativi al tampone molecolare sono precauzionalmente sistemati in stanze singole, in attesa del secondo tampone di controllo che sarà eseguito domattina. Se quest’ultimo risulterà negativo, cesseranno l’isolamento e l’unità operativa potrà accogliere nuovi ricoveri, al momento sospesi. 

I pazienti si trovavano tutti in Riabilitazione in seguito a interventi ortopedici per fratture e protesi. Il tampone molecolare eseguito all’ingresso era risultato per tutti negativo. I successivi controlli in fase di degenza hanno poi rivelato la positività al Coronavirus. 

A coordinare le misure da mettere in atto per mettere in sicurezza il “San Camillo” il direttore generale, Thomas Schael, ha inviato ad Atessa il direttore sanitario aziendale, Angelo Muraglia, il direttore del Dipartimento medico, Francesco Cipollone, i responsabili della Prevenzione e protezione, Rocco Mangifesta, e della Qualità accreditamento e risk management, Maria Di Sciascio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *