L’Izsam tra i primi in Italia ad aver individuato la variante inglese del Covid-19

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (Izsam) è stato tra i primi in Italia ad aver individuato la variante inglese di SarsCov2, nello specifico su 4 pazienti della provincia di Chieti. Una notizia che conferma l’importanza del ruolo svolto dallo Zooprofilattico nella lotta contro il Covid-19, sul fronte della ricerca così come per la diagnostica.

A ribadirlo è l’assessore regionale con delega a Ricerca e Università, Pietro Quaresimale, che commenta: La notizia conferma l’importanza del ruolo svolto dallo Zooprofilattico nella lotta contro il Covid-19, sul fronte della ricerca così come per la diagnostica attraverso l’analisi dei tamponi. È per me un onore e un motivo d’orgoglio aver supportato e sostenuto l’attività dell’Istituto teramano sin dai primi giorni della pandemia. Infatti, il centro di eccellenza teramano – ha dichiarato Quaresimale – ha svolto un ruolo decisivo per la comprensione del livello di penetrazione del virus. Nonostante i laboratori dell’IZS siano stati autorizzati più tardi rispetto a quelli di Pescara e Chieti, la qualità delle analisi e la velocità di elaborazione dei risultati, hanno permesso di lavorare fino ad oggi un parte considerevole dei tamponi analizzati in tutta la regione. Un riconoscimento che arriva anche dalla parte del Nord Italia più colpita dalla pandemia. Del resto, diversi mesi fa l’Istituto ha stretto un accordo con l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo per collaborare all’analisi di una parte dei tamponi dei pazienti sospetti Covid di quel territorio. Un ringraziamento va innanzitutto agli operatori: ho letto testimonianze di ricercatori ed analisti fieri di contribuire in maniera tanto efficace alla lotta al Coronavirus, senza risparmiarsi in termini di tempo e sacrificio. Credo che il valore umano unito a quello professionale faccia la differenza in questi casi. Auspico – ha concluso Quaresimale – che l’IZSAM possa sempre avere le risorse necessarie per continuare a rappresentare una vera eccellenza del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *