Si finge medico per vendere braccialetti nei reparti dell’ospedale di Pescara

La Polizia di Stato ha identificato e sanzionato un cittadino pakistano, residente a Noto, in Sicilia, ma trovato a Pescara nonostante il divieto di spostamento tra regioni di cui alla vigente normativa anti-covid, che, spacciandosi per medico, si era introdotto in alcuni reparti dell’Ospedale Civile per vendere in forma ambulante braccialetti e altri oggetti.

Da alcuni giorni, l’uomo si aggirava per il nosocomio, qualificandosi falsamente come sanitario, chiedendo di poter parlare con il primario del reparto dove, di volta in volta, si introduceva. Approfittando della fiducia del personale, avuto libero accesso nelle corsie, ne approfittava per vendere braccialetti ed altri oggetti. Infermieri e medici insospettiti, hanno allertato il personale del Posto Fisso di Polizia che, prontamente intervenuto insieme alla Squadra amministrativa della Questura, ha accertato che recentemente l’uomo, anche in provincia di Arezzo, aveva adottato la stessa condotta.

Pertanto, l’ambulante è stato sanzionato sia per aver violato il divieto di spostamento tra regioni senza comprovate esigenze sia per avere usurpato il titolo di medico e nei suoi confronti è stato avviato procedimento per sottoporlo alla misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio dal Comune di Pescara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *