Costruzione resort su Colle Foresta a San Vito. Il Comune fa ricorso al Consiglio di Stato

Località Colle Foresta non si tocca. Il Comune di San Vito Chietino sta percorrendo ogni possibile strada per scongiurare la colata di cemento, sulla collina orientale del paese, per realizzare quello che è l’ormai noto Resort della discordia.

Dopo la sentenza del TAR, che ha sancito l’illegittimità di alcuni atti dell’amministrazione comunale, volti a fermare la costruzione dell’enorme struttura in un’area di grande valore naturalistico e paesaggistico, il Comune del centro costiero ha avanzato ricorso al Consiglio di Stato per tentare di ribaltare le decisioni del Tribunale Amministrativo Regionale. La giunta comunale sta provando anche a bloccare l’opera attraverso una nuova pianificazione urbanistica. «Riteniamo – spiega in una nota il Coordinamento di Tu Vi.Va., che plaude alla decisione del Comune di San Vito – che tutte le amministrazioni debbano muoversi per il consumo di suolo zero e la rinaturalizzazione dei suoli dove possibile».

Secondo il Coordinamento di Tu Vi.Va. la Via Verde deve essere l’esempio concreto di opera atta ad influenzare il futuro sviluppo dell’intera area attraverso la destinazione a verde delle aree di sedime. La Via Verde è da considerare caposaldo per la pianificazione e la programmazione dell’intero territorio costiero. Realizzare tutto attorno nuovo cemento e grandi opere equivarrebbe a far fallire un progetto fondato su uno sviluppo sociale ed economico armonico e meno impattante di quello visto finora.

«Contribuiremo concretamente – conclude Tu Vi.Va. – alla battaglia per la salvaguardia di Colle Foresta contro il Resort, visto che comunque restano altri passaggi per evitare che decine di migliaia di metri cubi di cemento coprano un’area con vista mare di eccezionale bellezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *