Dopo lo scempio, risistemata la scala di accesso all’abbazia di San Giovanni in Venere

La scala laterale dell’abbazia di San Giovanni in Venere, abbruttita nei giorni scorsi con un inadeguato intervento, eseguito con molta probabilità dall’impresa edile incaricata, è stata per fortuna risistemata in tempi abbastanza rapidi.

Il caso era stato segnalato con un articolo pubblicato dal nostro giornale che, a quanto pare, è servito in qualche modo a far riparare la malefatta. L’autore dell’intervento aveva in pratica riempito tutte le fughe tra i diversi blocchi pietra, che costituiscono la gradinata, utilizzando una malta di colore chiaro. Una operazione che ha generato evidentemente un forte impatto con il resto del secolare monumento.

Sulla questione è intervenuto tempestivamente anche il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, sempre sensibile alle questioni che riguardano il complesso abbaziale, il quale ha subito sollecitato la Provincia di Chieti affinché provvedesse al più presto al ripristino dello stato di fatto dell’antica gradinata. Non è mancata comunque l’indignazione di cittadini e fedeli che frequentano l’antico cenobio benedettino. L’auspicio è che quando in futuro si eseguiranno altri interventi sull’abbazia, se pur di modesta entità, sarebbe il caso di porre la massima attenzione adottando accorgimenti che non alterino quelle che sono le peculiarità del nostro complesso monumentale, che sicuramente è tra i più belli del centro-sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *