Patente sospesa e fuori dal comune di residenza senza motivo: denunciato

Senza documenti di riconoscimento e fuori dal comune di residenza, centro in zona rossa. Protagonista un giovane venticinquenne disoccupato con numerosi pregiudizi penali a carico, incappato ad un controllo degli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Pescara Nord. Gli agenti, in un’area di servizio presso l’area di servizio “Alento Est” dell’A/14, lo hanno avvicinato e chiesto i documenti. Il giovane si è mostrato palesemente agitato e ha fornito delle generalità che gli accertamenti, effettuati successivamente presso le banche dati di Polizia, hanno dimostrato essere false. Così è subito emerso che viaggiava senza patente di guida, poiché sospesa dal mese di dicembre per guida sotto l’effetto di alcol.

Il ragazzo è stato denunciato in stato di libertà per aver dato false generalità e ulteriormente sanzionato per aver guidato senza patente e perché trovato fuori dal comune di residenza, Atessa, in zona rossa, senza alcuna giustificazione, in violazione all’ordinanza della regione Abruzzo emanata per far fronte all’attuale situazione emergenziale connessa alla diffusione del Covid. L’autovettura che guidava sarà sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi.

Ieri pomeriggio la Polizia di Stato su segnalazione al 113, è intervenuta presso l’Agenzia di Poste Italiane “Pescara centro”, per un violento litigio. All’interno dei locali vi era una persona molesta in lite con alcuni dipendenti delle Poste, scaturite da un diverbio su alcune operazioni effettuate sul proprio conto corrente. L’uomo, identificato per B.G. 51 enne pescarese incensurato, alla vista degli agenti giunti sul posto, ha improvvisamente estratto dalle tasche del proprio giubbotto un coltello da cucina di 20 cm e, solo a seguito di colluttazione, è stato disarmato dagli stessi agenti della Squadra Volante, unitamente ad un poliziotto della Polizia Postale che era presente all’interno dell’ufficio, e che a seguito dell’accaduto subiva dall’uomo un violento calcio giudicato dal pronto soccorso guaribile in 5 giorni. Sottoposto a perquisizione personale B.G. è stato trovato in possesso di un altro coltello da cucina di cm 20 e di un cacciavite smussato e reso affilatissimo. Il predetto è stato pertanto tratto in arresto in flagranza di reato per resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. E’ stato altresì denunciato per il porto ingiustificato di armi ed oggetti atti ad offendere e sanzionato amministrativamente ai sensi della normativa anti COVID perché indossava il dispositivo di protezione individuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *