Lanciano, finanziati due progetti per la messa in sicurezza della scuola di Principe di Piemonte e via per Orsogna

«La messa in sicurezza delle scuole e del territorio è stata al centro del mio mandato da assessore, e così sarà centrale quando torneremo di fronte agli elettori».

Così annuncia la progettazione di altri due importanti interventi sul territorio comunale il vicesindaco Giacinto Verna, che in questi anni ha gestito la delega ai Lavori Pubblici e quella alla Pubblica Istruzione.

«Già prima dell’estate avremo altri due progetti che ci permetteranno di accedere a finanziamenti per intervenire sulle strade di Lanciano e sulla sicurezza dei nostri alunni – spiega Verna – grazie a un finanziamento ottenuto dal ministero dell’Interno, abbiamo infatti affidato sia la progettazione definitiva ed esecutiva per il consolidamento del primo tratto della via per Orsogna sia l’adeguamento sismico della scuola di Principe di Piemonte».

Entrambi progetti vengono sostenuti con fondi erogati dal ministero dell’Interno, che fanno riferimento alla legge 160 del 27 dicembre 2019 sui “Contributi per la progettazione definitiva ed esecutiva degli Enti locali”, e rientrano nella programmazione triennale delle opere pubbliche 2020-2022.

Nel caso della via per Orsogna la progettazione, finanziata con 42mila euro, riguarda la parte che dalle Torri Montanare scende per circa 500 metri, oltre alla via che va direttamente verso contrada Sant’Egidio, e dove spesso gli smottamenti hanno causato problemi alle condotte di gas e acqua. Questo finanziamento è stato erogato a dicembre, mentre quello per Principe di Piemonte, che è di 25mila euro, è arrivato a inizio febbraio. Entrambe le pratiche sono state seguite dall’ingegner Fausto Boccabella.

«Avere progetti esecutivi pronti significa accedere facilmente a finanziamenti statali o regionali per opere che il Comune non può sostenere con risorse proprie  – sottolinea il vicesindaco Verna -, nel caso della messa in sicurezza della via per Orsogna, si tratta di una strada particolarmente sensibile dal punto di vista idrogeologico, e sulla quale da almeno venti anni si discute della necessità di intervenire. Continuiamo quindi sulla via della programmazione a lungo termine, l’unica percorribile per garantire concretamente opere di grande rilievo sul territorio comunale: su questa linea mi sono mosso fin dal mio insediamento come assessore guardando con lungimiranza a progetti concreti piuttosto che a interventi appariscenti e di immediata realizzazione. Ho sempre creduto che un’amministrazione oculata debba programmare a lungo termine opere concrete e di primaria importanza per i suoi cittadini, e questa – annuncia Verna – sarà la linea che caratterizzerà il mio programma elettorale quando, verosimilmente in autunno, i lancianesi dovranno scegliere chi governerà la città per i prossimi cinque anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *