8 marzo, in Val di Sangro scioperano le donne lavoratrici

Questione femminile al centro di una videoconferenza promossa dall’Udc Abruzzo

Domani, lunedì 8 marzo, in occasione dello sciopero nazionale proclamato da USB contro le violenze e le disparità di genere, convochiamo un sit-in alle ore 12 davanti i cancelli dello stabilimento Syncreon (maps: https://goo.gl/maps/7bWD37wWKtahctqS6), con i lavoratori della L.V.S. Logistica Val Di Sangro.

Sono circa 150 gli operai della LVS che si occupano di logistica nell’indotto Sevel e che lavorano in un ambiente dove le norme sulla sicurezza e i protocolli anti covid non vengono rispettati. Queste tra le motivazioni che stanno alla base del presidio di domani mattina che si unirà alle tante iniziative organizzate in tutta Italia da USB per lo sciopero generale contro la violenza e e le discriminazioni di genere (https://bit.ly/3rtzRLq).

USB in Val di Sangro ha proclamato lo sciopero in Sevel, in Tiberina Sangro, nella MA (ex Blutec) e nella L.V.S. per l’intera giornata lavorativa dell’8 marzo.

Sarà sciopero contro lo sfruttamento: lavoro a intermittenza, precario, demansionato, ricattabile, gratuito, invisibile. Sarà sciopero dal lavoro di cura e riproduttivo, senza il quale l’intera società sarebbe costretta a fermarsi.
Sarà sciopero contro lo smantellamento dello stato sociale e per il diritto al reddito, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, a misure di sostegno per la fuoriuscita dalla violenza.
Sarà sciopero per non lasciare indietro nessun@: la fine del blocco dei licenziamenti e degli sfratti è dietro l’angolo. A chi parla di debito buono e debito cattivo rispondiamo con la lotta contro le disuguaglianze e la redistribuzione della ricchezza.

LE DONNE DELL’ UDC E L’ 8 MARZO: CONFRONTO IN VIDEOCONFERENZA

L’ 8 marzo festa della donna, si fa per dire”, chiarisce Incoronata Ronzitti coordinatore territoriale dell’ UDC Vasto. ”Si continua a parlare di festa ma sarebbe più opportuno parlare di “fare la festa”! Basta guardare l’ennesimo femminicidio di appena qualche giorno fa”.

In occasione di questa ricorrenza internazionale, le donne dell’UDC ed il segretario regionale Enrico Di Giuseppantonio , i segretari provinciali Buracchio, Giolitto, De Simplicio, si sono ritrovati su una piattaforma per confrontarsi sulla questione femminile e riflettere sulle conquiste ottenute e i risultati raggiunti da quando la “rivoluzione” è iniziata.

Si è affrontato nel corso di questo incontro il sempre attuale, purtroppo, tema della violenza sulle donne ma anche del cambio di marcia dettato dal legislatore grazie al così detto Codice Rosso; dell’istituzione di un Gruppo Anti Violenza (GAV) quale sportello annesso alla Procura di Pescara, primo esempio in Italia, costituito da figure e professionisti che operano nel settore dei crimini contro le donne oltre che da un pool di magistrati dedicati a questo tipo di reati; dell’importanza dei centri antiviolenza, della loro operatività e dei risultati ottenuti; di quanto sia importante prevedere e destinare risorse a questi centri ancora di più in pieno Covid; del grande ruolo che riveste l’educazione e la formazione, e quindi, la scuola; di quanto si sia miopi nel tagliare sulla cultura perché nel medio e lungo periodo, cioè quando i bambini saranno diventati donne ed uomini, il prezzo che la società tutta dovrà pagare sarà altissimo. Ma si è parlato anche di affermazioni e di riconoscimenti; di conquiste e soddisfazioni. “Donne che, con grande fatica quotidiana – dice Incoronata Ronzitti -, hanno messo in campo tutte le loro risorse, le loro abilità e competenze, insomma il loro FEMALE TALENT, e sono riuscite a raggiungere ruoli importanti nel lavoro ed occupare livelli apicali. Anche se, nonostante ciò, l’Italia si trova al penultimo posto nell’Unione Europea in fatto di occupazione femminile. Occupazione, disoccupazione, inoccupazione e sottoccupazione. Tutte forme di mancanza di lavoro e di conseguenza di reddito, in conclusione di autonomia. E con il Covid la situazione è peggiorata notevolmente. Di tutti coloro che hanno perso il lavoro il 56% circa è femminile, come a dire che la povertà è donna”! Per questo l’UDC ha predisposto un documento, da sottoporre tramite la direzione abruzzese , al presidente della Regione, Marco Marsilio, all’Assessore regionale con delega al Lavoro Pietro Quaresimale ed al Presidente della V Commissione del Consiglio Regionale Abruzzo Mario Quaglieri, con cui si chiedono misure eccezionali di sostegno e di intervento a favore dell’occupazione femminile e di facilitazione nel reinserimento delle donne nella vita sociale e lavorativa. “Per concludere, sostengono le donne Udc, è stata un’occasione per riflettere a tutto campo sull’universo donna ed anche per ricordare e ricordarci che non sono solo le donne a dover manifestare e protestare e rivendicare ma che la vera rivoluzione nel raggiungere la parità di genere parte dagli uomini… quelli con la U maiuscola”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *