Avezzano, la Finanza scopre 35 furbetti del reddito di cittadinanza

35 soggetti che indebitamente hanno percepito il reddito di cittadinanza, per complessivi 286.000 euro, sono stati scoperti dai finanzieri della Compagnia di Avezzano, in sinergia e collaborazione con l’INPS. In particolare, i militari individuavano forti discordanze tra la situazione economica e patrimoniale reale dei beneficiari rispetto a quella dichiarata nelle domande presentate.

I percettori, infatti, omettendo deliberatamente di riportare informazioni rilevanti nelle Dichiarazioni Sostitutive Uniche per il calcolo dell’indicatore Isee per gli anni 2019 e 2020 riuscivano ad ottenere l’indebita percezione (nel 2019) e il mantenimento (nel 2020) del RdC.

Numerose anomalie individuate, tali da escludere il beneficio, quali l’omessa o parziale informazione circa vincite di gioco, la mancata reperibilità della persona nel Comune di residenza, l’errata indicazione dell’esatto numero dei componenti del nucleo familiare, l’omessa indicazione di precedenti penali o sottoposizione a misure cautelari personali (tra questi usurai e spacciatori già arrestati dalla Compagnia). E ancora la residenza fittizia in immobile in locazione e i redditi da lavoro dipendente oltre la soglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *