323 nuovi positivi nelle ultime ore in Abruzzo e 7 decessi per il Covid

In Abruzzo, da ieri, si registrano 323 nuovi positivi di età compresa tra 2 mesi e 100 anni. Il virus ha colpito 87 persone nell’aquilano, 87 nel chietino, 27 nel pescarese e 113 in provincia di Teramo. Dei 323, nove sono residenti fuori regione o con residenza in accertamento. Sono stati eseguiti 4393 tamponi molecolari e 4487 test antigenici. Il numero dei deceduti fa registrare altri 7 morti di cui 1 risalente ai giorni scorsi e comunicato solo oggi dalle Asl. 45347 sono i guariti (+112), 12840 attualmente positivi (+204), 673 ricoverati in area medica (+24)- Resta alto il numero dei ricoverati in terapia intensiva, che sono 93 (-1) mentre sono 12074 i positivi in isolamento domiciliare (+181).

LANCIANO, SALGONO A 47 LE VITTIME NELLA SECONDA ONDATA DEL VIRUS

La Asl2 ha comunicato al sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, la positività di 25 cittadini e la guarigione di 18. Il totale dei positivi è ora 296 persone. Nelle ultime ore si è avuto un nuovo decesso di una donna di 75 anni e triste bilancio delle morti causate dal virus nella seconda ondata sale a 47..

LA POLIZIA DI STATO CHIUDE DUE ATTIVITÀ PER VIOLAZIONE DELLE MISURE ANTI COVID-19

Ieri, nell’ambito dei servizi disposti giornalmente dal Questore Luigi Liguori, un internet point ed un bar sono stati chiusi per la violazione della normativa anti covid-19.

Il personale della Squadra Amministrativa della Questura ha controllato dapprima un “internet point” a Pescara centro, sorprendendo all’interno una persona intenta ad effettuare una scommessa, nonostante le misure per contenere la diffusione del virus lo vietino, consentendo solo le scommesse on line. Pertanto, l’avventore è stato sanzionato per essere uscito di casa senza un giustificato motivo e il titolare del centro scommesse denunciato all’Autorità Giudiziaria per essersi adoperato al fine di ricevere ed effettuare, dietro corrispettivo, la scommessa dell’avventore; per il locale è scatta la chiusura immediata di cinque giorni. Inoltre, sono state identificate diverse persone assembrate fuori dall’internet point, che sono state sanzionate.

Nell’arco della giornata, la Squadra Amministrativa ha disposto la chiusura immediata per cinque giorni di un bar ubicato nella zona nord della città: sono state trovate alcune persone che consumavano nelle immediate vicinanze del bar che aveva venduto delle birre versandole direttamente in bicchieri di plastica. Il titolare è stato sanzionato per avere violato i protocolli indicanti le modalità di vendita per asporto e i clienti identificati sono stati sanzionati perché si erano assembrate e consumavano vicino al locale.

CONTROLLI INTERFORZE NEL CHIETINO: 22 SANZIONATI

Nella giornata di sabato sono stati effettuati dei servizi straordinari interforze volti a vigilare sul rispetto della normativa per il contrasto alla diffusione del contagio, su disposizione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto della provincia di Chieti Armando Forgione ed attuati dal Questore della provincia di Chieti Annino Gargano, in raccordo con i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e con la partecipazione delle Polizia Locali.

I servizi sono stati svolti a Chieti e San Giovanni Teatino dalla Polizia di Stato, unitamente a personale delle rispettive Polizie Locali, e finalizzati soprattutto a controllare la legittimità degli spostamenti. Sono state controllate 114 persone e ne sono state sanzionate 6 per la normativa anti-covid ed altre per violazioni al codice della strada. Le sei persone sanzionate per la normativa anti-covid erano tutte residenti in altri comuni e non avevano alcun giustificato motivo per spostarsi nei territori ove sono stati trovati. Una di loro, di Pescara, sorseggiava un aperitivo innanzi a un bar, mentre gli altri, con scuse varie, avevano in atto spostamenti fra diversi comuni senza che ve ne fosse la necessità. L’età dei sanzionati varia dai 30 ai 42 anni.

Altro servizio è stato svolto a Francavilla al Mare da parte dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale. Sono state controllate 92 persone e sanzionate 15 di età compresa tra i 20 e i 47 anni. Tutte sono state sanzionate davanti a due bar mentre bevevano un aperitivo ed intrattenevano conversazione senza allontanarsi dal locale, così come previsto dalla vigente normativa per cui è ammesso solo l’asporto con divieto di consumare sul posto. In particolare 13 erano innanzi un bar, il cui titolare è stato anche sanzionato per aver permesso l’assembramento, ed altri 2 innanzi un altro esercizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *