304 nuovi positivi Covid e 10 decessi in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Accordo tra Università  D’Annunzio e Asl2 per il ospitare nel Pala UdA nel fine settimana postazioni per somministrazione dei vaccini

Rispetto a ieri si registrano 304 nuovi casi di età compresa tra 10 mesi e 94 anni (il totale risulta inferiore in quanto sono stati eliminati casi comunicati nei giorni scorsi e risultati duplicati o in carico ad altra Regione)

I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 73, di cui 20 in provincia dell’Aquila, 14 in provincia di Pescara, 30 in provincia di Chieti e 9 in provincia di Teramo.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 10 nuovi casi e sale a 1934 (di età compresa tra 60 e 95 anni, 1 in provincia di Chieti, 5 in provincia di Pescara, 1 in provincia dell’Aquila e 3 in provincia di Teramo). Del totale odierno, 4 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni e comunicati solo oggi dalle Asl.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 47316 dimessi/guariti (+986 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 11678 (-694 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 827693 tamponi molecolari (+4447 rispetto a ieri) e 323314 test antigenici (+4029 rispetto a ieri).

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 3.6 per cento.

667 pazienti (-8 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 89 (+2 rispetto a ieri con 6 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 10922 (-688 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 14546 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+92 rispetto a ieri), 15456 in provincia di Chieti (+74), 16195 in provincia di Pescara (+82), 14029 in provincia di Teramo (+30), 489 fuori regione (-1) e 213 (+25) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

COVID-19, VACCINAZIONI IN ZONE ROSSE ALLA STRETTA FINALE NEL CHIETINO

Una settimana decisiva per il completamento della vaccinazione degli over 80 nelle zone rosse. In pole position i Comuni nei quali resta ancora un numero importante di persone iscritte alla piattaforma regionale in attesa di essere immunizzate, anche se complessivamente in questi territori è stata già vaccinata la metà della popolazione target.

Questa mattina è stata sottoscritta la convenzione con l’Università per l’utilizzo del Pala UdA, all’interno del Campus, in via dei Vestini, a Chieti. La struttura, già impiegata per accogliere lo screening di massa, è in allestimento in queste ore per essere pronta a vaccinare nel week end circa 1.000 anziani. Nell’accordo stipulato tra il Direttore generale della Asl Thomas Schael e il Rettore Sergio Caputi si prevede inoltre che nel corso della prossima settimana si prosegua con la vaccinazione del personale dell’Ateneo, e nel week end successivo altri 1.000 over 80. 

L’attivazione del Pala UdA è importante perché ci permette di dare una forte spinta alla vaccinazione – puntualizza Schael – e per questo va espressa giusta gratitudine al Rettore. Ad ogni modo nelle nostre strutture abbiamo già fatto buoni numeri: nel punto vaccinale dell’ex SS. Annunziata sono 1.100 gli anziani che hanno già  ricevuto la loro dose, pertanto restano un migliaio quelli iscritti all’anagrafe che non hanno manifestato l’interesse a vaccinarsi. Mi auguro vivamente che possano essere recuperati e inclusi, come sta accadendo a Lanciano dove il Comune ha attivato un efficace servizio di re-call grazie al quale altre persone potranno partecipare alla campagna. L’auspicio è di concludere tutte le zone rosse nell’arco di pochi giorni, così da poterci dedicare agli altri comuni a più bassa circolazione virale, specie delle aree interne”.

La necessità di individuare un punto vaccinale aggiuntivo al Distretto Sanitario di Francavilla a Mare è stata risolta grazie al Sindaco Antonio Luciani che ha messo a disposizione la tensostruttura attigua al Palazzetto dello sport di Valle Anzuca, sul quale è stata già eseguita la verifica da parte del responsabile Asl Prevenzione e Protezione Rocco Mangifesta. La convenzione per l’utilizzo sarà siglata domani mattina. L’impegno della Asl è vaccinare entro il fine settimana i circa 1.300 anziani che si sono iscritti sulla piattaforma regionale. All’appello, secondo i dati dell’Anagrafe, ne mancano altri 1.000, per i quali il Comune ha attivato un servizio dedicato: quanti vogliono essere vaccinati e non hanno la possibilità di registrarsi possono rivolgersi ai volontari della Protezione civile che provvederà all’iscrizione. Basta chiamare il numero 085-4920216 dalle ore 9 alle 10 nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì. 

vaccini a Montazzoli

Nel comune di Montazzoli è stato applicato il “modello Crisanti”: la situazione epidemiologica è stata aggredita con tamponi e isolamento tempestivo dei positivi, con il risultato di un forte rallentamento della  circolazione virale. E per assicurare agli anziani la necessaria protezione oggi è giunta un’équipe del 118 per vaccinare i 120 over 80 del posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *