Isola del Gran Sasso, comitato promuove area faunistica ma su terreni che hanno possessori

A Isola del Gran Sasso, si lavora per dar vita a un comitato a favore dell’istituzione di un’area faunistica da realizzare su terreni utilizzati dall’ex Cogefar per la realizzazione del traforo del Gran Sasso. Si tratta di terreni situati nella Frazione di Casale San Nicola, che presi in affitto dalla società costruttrice dopo la realizzazione del lungo tunnel della A24, sono tornati nella disponibilità dei possessori. L’iniziativa lanciata tende a creare il maggior numero di adesioni per conoscere a che punto è il piano su quella che viene descritta dai promotori come “una grande opportunità per uno sviluppo eco sostenibile per tutta la zona”.

Ma c’è un ma. Il comitato che si sta formando trascura proprio un aspetto molto importante a tal punto da trarre in inganno. . Non viene specificato a coloro che s’apprestano a sostenere l’istituzione dell’area faunistica che i terreni in realtà non appartengono agli ex cantieri della società Cogefar, ma hanno dei possessori, sparsi tra frazione di Fano a Corno e frazione di Casale San Nicola..

Di quest’ultima località ci eravamo occupati (leggi qui), quando avevano riportato la notizia della pubblicazione da parte del Comune di Isola dell’avviso pubblico a firma dell’allora sindaco Roberto Di Marco, nel quale si avvertiva sull’avvio del procedimento da parte della Regione Abruzzo finalizzato alla reintegrazione delle terre civiche, nella Frazione. Una decisione che aveva suscitato più d’una perplessità sulla tempistica e inoltre sul fatto che si ignorava come quei terreni avessero più d’una ventina di possessori. E non da oggi. Si trattava di fondi lavorati fin dai tempi del medioevo e continuano ad esserlo ancora oggi, sui quali si esercita azione di bonifica e di miglioramenti da chi li possiede. Tanto che in opposizione a quell’avviso del Comune si era chiesto opportune e indispensabili per procedere a accertamenti per stabilire l’appartenenza. Aspetti che ora tornano a galla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *