Lanciano: confusione al Pala Masciangelo. L’USB chiede aumento personale ASL per campagna vaccinale

Le voci che si susseguono sulla gestione poco chiara della campagna vaccinale da parte della ASL 02 Lanciano Chieti Vasto, in particolare sulla gestione del centro vaccinale di Lanciano sono sulla bocca di tutti da settimane.
Non destano scalpore quindi le note stampa apparse negli ultimi giorni sui quotidiani locali che riportano appunto le lamentele dei cittadini. Spiccano le file lunghe ore nonostante le prenotazioni, le vaccinazioni senza prenotazione, i rifiuti di Astrazeneca e le preferenze indicate dai cittadini sul vaccino spesso disattese, generando malumori e confusioni diffuse.
Dobbiamo vaccinarci tutti e sicuramente al più presto, ma al tempo stesso ci chiediamo però a cosa sia servito mettere in piedi una macchina organizzativa complessa tra piattaforme di prenotazione, regolamenti, burocrazie e competenze sanitarie se poi tutto questo viene vanificato nella semplice corsa a chi arriva prima, stando a quanto si legge.
E’ evidente a questo punto la necessità di ampliare il personale ASL all’interno dei centri vaccinali per snellire e semplificare la gestione della campagna vaccinale in particolar modo al Pala Masciangelo di Lanciano. Non parliamo solo di medici e infermieri, ma anche di amministrativi capaci di snellire il lavoro burocratico in loco. Difatti uno dei dei nodi principali a nostro avviso riguarda proprio l’assenza del personale amministrativo nei centri vaccinali, assenza che porta alla luce un problema di gestione dei dati personali e della privacy che non può essere considerato superficiale. Anche la gestione delle liste d’ingresso dovrebbe essere gestita direttamente dal personale che normalmente gestisce i flussi di dati e può avere accesso diretto alle prenotazioni facilitando la gestione delle file evitando così semplici fraintendimenti.
Al bando riservato agli operatori sanitari, che sicuramente sono il fulcro principale dell’azione vaccinante, la ASL 02 ha dimenticato di far seguirne un altro per il personale amministrativo, chiediamo quindi all’amministrazione ASL di aprire un avviso interno su base volontaria per inserire il personale amministrativo nei centri vaccinali, così da coprire una mancanza grave ma anche per mettere la parola fine al chiacchiericcio e alla confusione di questi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *