La presentazione del sistema multimediale della Diocesi di Lanciano

E’ multimediale il Museo Diocesano dell’Arcidiocesi di Lanciano-Ortona

Presentato presso

il progetto dei sistemi multimediali dei Musei Diocesani di Lanciano e Ortona, inaugurando la prima parte relativa al Museo Diocesano di Lanciano. Nelle prossime settimane sarà completata anche la sezione riguardante il museo ospitato presso la Cattedrale di S. Tommaso ad Ortona.

Alla conferenza stampa erano presenti Mons. Emidio Cipollone, Arcivescovo di Lanciano-Ortona, Mons. Enzio D’Antonio, che in qualità di Arcivescovo all’epoca fu il promotore dell’apertura del Museo, Don Guido Scotti, direttore del Museo, i sindaci dei Comuni di Lanciano e Ortona, Mario Pupillo e Vincenzo D’Ottavio, e Guido Serafini Direttore Territoriale della Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

Il sistema presentato è costituito da una piattaforma cross-mediale composta da un sito internet, social network, applicazioni per smartphone, audioguide ed una guida e-book consultabile da tablet, messe a disposizione dei visitatori grazie al contributo mecenatistico della Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

Da oggi, sarà possibile percorrere i saloni del Museo Diocesano di Lanciano guidati dal proprio telefonino grazie alla connessione wi-fi che consentirà ai visitatori di scaricare gratuitamente le audioguide o acquisire informazioni sulle opere fotografando i QR code associati ai principali capolavori esposti.

Attraverso il sito internet di ultima generazione, inoltre, chiunque a distanza potrà effettuare una visita virtuale degli ambienti, prenotare una visita guidata o scaricare una guida completa delle opere.

Un progetto innovativo che rende il Museo Diocesano all’avanguardia nella nostra regione alla vigilia dell’appuntamento storico dei cinquecento anni di istituzione della Diocesi di Lanciano (1515) che si celebreranno l’anno prossimo e che costituiranno una straordinaria occasione di rilancio del turismo religioso e culturale della città.

Lanciano, una città unica nel suo genere, ricca di storia, tradizione e di gioielli di arte e cultura ha custodito, fino ad oggi, uno straordinario museo, sconosciuto ai più ma incredibilmente ricco di capolavori e che ha deciso di aprirsi alla città ed offrire all’ammirazione dei visitatori l’incredibile patrimonio artistico in esso conservato.

Il turismo ormai viaggia quasi esclusivamente su internet, pertanto la promozione attraverso sistemi multimediali digitali rappresenta una proposta innovativa di offerta finalizzata a colmare il gap di comunicazione che fino ad oggi ha escluso la nostra città ed i suoi tesori dai principali circuiti turistici nazionali ed internazionali.

Ma il museo è prima di tutto una ricchezza per il territorio frentano, per questo, la Diocesi ha voluto organizzare, per sabato 5 luglio una “Notte al Museo” con apertura straordinaria dalle 17 alle 24 e visite guidate gratuite ogni ora.