il Preside del De Titta, Alessandro Mariotti

Mancano aule: 47 alunni dell’Istituto De Titta di Lanciano nell’aula magna

di Antonio Di Nunzio

47 alunni dell’Istituto Cesare De Titta di Lanciano sono costretti ad iniziare l’anno scolastico 2014/2015 senz’aula. La 3^ e 4^ C del Liceo Linguistico, sono state sistemate provvisoriamente nell’aula magna della scuola. Ente che in una nota scritta del 28 agosto ha concesso alla scuola frentana due aule presso l’Istituto Tecnico Commerciale E. Fermi di Lanciano, allegando al documento una planimetria nella quale indica chiaramente i locali da occupare. Le due scuole erano state convocate, il 5 Settembre in sede a Chieti per discutere della questione. A tale incontro ha partecipato però solo il De Titta con il Preside Alessandro Mariotti, il Direttore amministrativo Maria Saveria Borrelli e il Presidente del Consiglio d’Istituto Nicola Ferrante, a cui è stato chiesto di interfacciarsi con il Dirigente dell’ITC per valutare tempi e modi per il trasloco di banchi e sedie, dato l’imminente inizio delle lezioni.

La Preside del Fermi venuta a conoscenza della nota scritta, ha risposto che le aule erano occupate e che la Provincia nella sua nota aveva erroneamente segnalato due luoghi che non erano disponibili secondo la ricostruzione che il preside Mariotti ha fatto ai giornalisti. “Ad oggi gli alunni fanno lezione in aula magna, venendo privati del loro diritto allo studio – ha detto Mariotti – questo non accade neanche in un paese del terzo mondo. Gli alunni sono privati del loro luogo privilegiato: l’aula, che rappresenta un forte luogo d’identità per i ragazzi. Chiediamo urgentemente una soluzione alla Provincia affinché questo disagio venga risolto”.