Operazione di Polizia, Carabinieri e Finanza

Immobili per un milione di euro sequestrati a famiglia rom di Montesilvano

Un altro duro colpo all’accumulo dei patrimoni illeciti da parte di interi nuclei familiari rom è stato inferto oggi dalle forze dell’ordine. Agenti della Questura e dei Comandi Provinciali della Guardia di Finanza e dei Carabinieri di Montesilvano hanno eseguito ad alcune misure di prevenzione patrimoniale disposte a carico dei componenti di una famiglia di etnia rom. Il valore degli immobili oggetto del sequestro è di oltre un milione di euro.

Il sequestro ha riguardato una villa sul lungofiume Saline di Montesilvano al cui interno ci sono 21 stanze e risulta completamente abusiva dagli anni ’90 e un’altra abitazione di sei vani situata in via L’Aquila 17. Sotto sequestro anche una autovettura Golf. Il tutto è riconducibile alla famiglia di Dante Spinelli e della moglie Giulia Grazia Guarnieri e della figlia Zoraide, anche se nella casa di via L’Aquila vive un altro figlio della coppia. Si tratta di rom con precedenti ufficialmente disoccupati che si occupano della raccolta illegale del ferro. Per quanto riguarda la casa che si trova sul lungofiume esiste un decreto di demolizione dal 1994 il cui carteggio, però, risulta sparito in qualche ente pubblico. Si tratta di un alloggio realizzato su un terreno boschivo davanti al quale sono stati realizzati un’area sosta con recinto, questi ultimi su un’area demaniale. Su alcuni componenti di questa famiglia hanno indagato in più occasioni i carabinieri, coordinati dal capitano Enzo Marinelli, che hanno segnalato la situazione al questore Paolo Passamonti, facendo scattare un lavoro sinergico con la Divisione anticrimine guidata da Egidio Labbro Francia e la Guardia di Finanza, oggi rappresentata in conferenza stampa da Silvano Melasecca. A carico della stessa famiglia i carabinieri hanno attuato negli anni scorsi una sanzione singolare, prevista da una ordinanza del Comune, cioé bloccare con delle cavigliere un cavallo che veniva utilizzato con ogni probabilità per le corse e le scommesse clandestine e veniva portato a trotto sul lungofiume, trainato ad un’auto. Tra le particolarità dell’operazione di oggi c’e’ il fatto che l’appartamento di via L’Aquila si trova sopra la sede dell’Associazione nazionale carabinieri, che a suo tempo è stata confiscata ai rom.