Il carcere di Lanciano

Al carcere di Lanciano agenti al lavoro per protesta

Sciopero del straordinario da oggi e fino al 5 settembre degli agenti della polizia penitenziaria della Casa Circondariale di Lanciano aderenti alle sigle sindacali UIL, SAPPE, SINAPPE, CNPP, CGIL e OSAPP. L’astensione dal lavoro arriva dopo la la conclusione della prima parte di iniziative promosse per protestare sulla situazione inadeguata del personale. Lo sciopero si articolerà nel seguente modo: gli agenti pretenderemo di essere formalmente obbligati a svolgere i turni da 8 ore indispensabili al funzionamento del carcere. Alla protesta aderisce circa l’80% del personale. “Nel frattempo – fanno sapere i rappresentanti sindacali – l’ormai ex provveditore Brunetti ci ha lasciato in quanto pensionata, al suo posto arriverà il già provveditore del Lazio che gestirà il nostro provveditorato pro-tempore. Una novità che ci porterà a sospendere per una decina di giorni ogni forma di protesta nella speranza che dagli uffici competenti giungano segni d’interesse per la nostra non facile situazione. In mancanza di qualsivoglia riscontro alle nostre richieste, attueremo forme di protesta più incisive e rumorose”.