Lanciano, nuovo presidente al Rotary Club

Nella raffinata cornice del ristorante La Castellana in Treglio si è svolta la cerimonia annuale del “Passaggio del Martelletto” del Rotary Club Lanciano.
Al presidente uscente Piero Farina è subentrato il Dottor Nicola Costantini, che guiderà il prestigioso sodalizio nell’anno rotariano 2013/14.
Il Presidente sarà affiancato dal Consiglio Direttivo così composto: Alberto Paone (vice presidente) Fabio Lombardi (segretario) Marco Bellelli (prefetto) Erminio Vitelli (tesoriere) Piero Farina (past president) e i consiglieri Mario Mastrocinque, Andrea Colantonio, Marcello Presenza, Massimo Biscardi e Rossella Piccirilli. Comunicatore Lucio Valentini e Delegato Rotaract Francesco Scioli.
Il Presidente Nicola Costantini, nel suo discorso di insediamento ha fatto riferimento ad alcuni dei progetti che saranno sviluppati nell’arco dell’annata. Grande attenzione sarà rivolta ai giovani attraverso delle iniziative relative alla formazione e orientamento universitario e al mondo del lavoro, ai problemi dei disturbi alimentari quali anoressia e bulimia, all’educazione al corretto uso dell’acqua. Saranno portati avanti, inoltre, per rispondere ad esigenze concrete della comunità, progetti in collaborazione con la Caritas cittadina e con la Casa Circondariale di Lanciano.
Il Rotary Club Lanciano si è costituito nel 1978, con primo Presidente il Notaio Dr. Rocco Marino.
Il Rotary Club Lanciano ha realizzato, nel corso di 35 anni, importanti progetti di interesse pubblico: ha sviluppato e continua a sviluppare progetti per i giovani al fine di offrire loro momenti di informazione-formazione sia per la scelta del proprio futuro sia per la consapevolezza del vivere civile; esso ha svolto un ruolo di grande rilievo nella costituzione e sviluppo del Centro di Ascolto e della Mensa del Buon Samaritano; ha curato importanti progetti di restauro di monumenti e chiese cittadine; ha tenuto numerosissimi incontri di interessi pubblico su tematiche di interesse economico sociale e culturale; ha promosso incontri con delegazioni di altri club, anche esteri; ha realizzato, grazie alle donazioni della Professoressa Clara Albanese vedova Russo e della Signora Perla Sigismondi vedova Marino, un asilo in Etiopia con annessa foresteria; ha sviluppato e continua a sviluppare sinergie per altre associazioni locali per la promozione di attività di interesse locale.