La presentazione di “(Con)fusioni”

A Lanciano ritorna “(Con)fusioni” punto di passaggio e d’incontro di artisti

23, 24 e 25 maggio prossimi: sono queste le date dell’evento “(Con)fusioni”, giunto alla sua sesta edizione, che si svolgerà a Lanciano presso i locali del Diocleziano, il Foyer del teatro Fenaroli e piazza Plebiscito. E non solo. L’organizzazione della manifestazione è stata curata dall’associazione culturale Arena 7 con il patrocinio del Comune frentano.
(Con)fusioni, che ha come caratteristica quella di essere momento di passaggio e d’incontro tra artisti,  propone l’esposizione di opere che coinvolge le arti figurative, fotografia, scultura, design, musica, narrativa, poesia e tanto altro. 150 circa gli artisti presenti per l’edizione 2014, per un evento che, come spiegato dall’ideatore e coordinatore dell’evento Luca Di Francescantonio, “da anni è in continua crescita e sempre più rilevante come evento di incontro creativo. L’iniziativa – aggiunge il graphic designer – che nasce anni fa come mostra di fotografia mossa e sfocata con l’obiettivo di trarre l’anima da un attimo fuggente e come esposizione di foto “frettolose” che era il miglior modo per creare curiosità e attenzione verso una generazione di giovani artisti, si pone oggi come una manifestazione completa che coinvolge le arti figurative, la scultura, il design, la musica, la narrativa, la poesia e tanto altro”.

L’incompiuto, il non completo, l’indefinito è il leitmotiv anche di quest’anno che vedrà molte novità tra i ragazzi partecipanti e soprattutto molta energia.

“È così che (Con)fusioni – spiega Di Francescantonio nel corso della conferenza stampa tenutasi stamattina alla presenza del sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, dell’artista Marco Sciame – diventa una sfida per ogni artista disposto a esporsi in maniera non compiuta, esponendo così opere ancora in corso d’opera e, in alcuni casi, spiegando la stessa creazione artistica al pubblico, accorciando ogni distanza”. Un progetto coordinato dagli artisti e tanto basta a farne un evento unico.

La mostra espositiva, che si terrà presso i locali del Diocleziano, il Foyer del Teatro Fenaroli, piazza Plebiscito, quest’anno propone mostre ‘satelliti’ presso Musica&Libri, D’Autilio Calzature e il circolo Pickwick, sarà liberamente visitabile, con ingresso gratuito, venerdì 23 alle ore 16 alle 21 mentre, nelle giornate di sabato e domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 24. Il tutto sarà accompagnato da coinvolgenti live performance di diverse discipline artistiche che allieteranno il pubblico presente durante e dopo la mostra.

Novità della sesta edizione il crowdfunding, la raccolta fondi on line che ha dato modo, come spiega l’organizzatore, di “rivolgere un appello personale al pubblico e alle persone sensibili alle tematiche della cultura e della creatività in un territorio come il nostro. Il crowdfunding è quella procedura di raccolta fondi che di solito avviene tramite piattaforme online, specificando il budget e ricambiando i sostenitori con piccoli o grandi omaggi per renderli effettivamente partecipi. Stiamo facendo la stessa cosa anche noi, sebbene in una versione più locale, basata sul passaparola e sul web. Anche questo è sperimentare, in pieno spirito di (Con)Fusioni. Credo nel buon feedback e nell’amore delle persone che hanno accolto e accoglieranno questa preziosa occasione di collaborazione.”

E a rendere il tutto più coinvolgente e leggero la provocazione del falso candidato Annunziato dal Basso che, in questi giorni, sta raccogliendo la voce del popolo, ovvero slogan scritti dalla gente comune e pervenuti tramite l’hashtag  #annunziato,  e che potrebbe tenere, a sorpresa, un “vomizio” elettorale in occasione dell’inaugurazione di (Con)fusioni, prevista nei locali dl Diocleziano venerdì 23 alle 18.